Incendio a scuola, evacuati oltre mille studenti e due intossicati

EMPOLI. Paura all'istituto Ipia di Empoli per un incendio che si è sviluppato poco dopo le ore 9 in una costruzione staccato dal corpo principale. I 150 studenti che erano all'interno sono fuggiti fuori dal container che ospita aule e laboratori dell'istituto professionale, ma sono stati evacuati anche gli altri plessi adiacenti del Ferraris Brunelleschi: le lezioni sono state interrotte per oltre mille gli studenti. Due ragazzi sono rimasti intossicati.E sono al momento al San Giuseppe.

Il fuoco - secondo una prima ricostruzione - è partito probabilmente per un corto circuito di un quadro elettrico, all'esterno del container. Le fiamme si sono rapidamente propagate fino a raggiungere il tetto della della struttura in cemento e lamiera, distruggendolo. I ragazzi sono stati fati uscire, gli insegnanti e i bidelli hanno preso gli estintori e hanno iniziato a spengere le fiamme. Nel frattempo si alzata una colonna di fumo ben visibile da tutta la città, ed è scattato un fuggi-fuggi generale, tra grida e scene di panico.

Sul posto i vigili del fuoco che hanno circoscritto in breve le fiamme, il 118 e la polizia di Empoli, oltre agli agenti della polizia municipale dell'Unione dei Comuni, che hanno chiuso al traffico via Sanzio, con inevitabili ripercussioni sul traffico. L'istituto al momento è stato dichiarato inagibile anche perché l'Arpat deve fare i rilievi sulla qualità dell'aria. Al momento non sono stati segnalati casi di intossicazione.

2

La costruzione che ha preso fuoco era stata realizzata circa sette anni fa come provvisoria per ospitare alcune aule. Ma poi di fatto è rimasta. E da tempo gli insegnanti avevano segnalato la necessità di rimuovere questa struttura simile a un container, o almeno di intervenire con lavori di adeguamento: "Doveva essere una sistemazione temporanea - spiega il professore Marco Brusamolino - responsabile del plesso. E invece siamo ancora qua. In passato abbiamo più volte denunciato le cattive condizioni della struttura. Se davvero sarà accertato che l'incendio è partito da un quadro elettrico, sarà la riprova che è non sono stati fatti interventi di manutenzione adeguati". Brusamolino è stato tra i primi a intervenire: "Mi trovano nell'altro edificio, siamo stati attirati dalle urla e dal fumo. Abbiamo preso gli estintori, cercando di circoscrivere le fiamme e poi sono subito intervenuti i vigili del fuoco". I ragazzi comunque nel frattempo "erano già tutti fuori"  assicura il professore Giampaolo Morsellino.


3

A costruire il prefabbricato sono state la Provincia di Firenze e il Circondario Empolese Valdelsa. Ora la competenza  passata alla Città Metropolitana fiorentina, con manutenzione a carico dell'Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa. I danni, spiega il dirigente scolastico Daniela Mancini, hanno interessato tutto l'edificio. L'evacuazione degli altri studenti, aggiunge la preside,  "è stata suggerita dai vigili del fuoco in quanto il vento avrebbe potuto propagare i fumi anche negli edifici adiacenti". in programma un incontro tra i collaboratori della presidenza e i docenti responsabili dell'istituto professionale per redigere un piano organizzativo per concludere l'anno scolastico. Da giovedì gli studenti, eccetto quelli dell'Ipia, ovvero coloro i quali sono direttamente interessati dall'incendio, torneranno sui banchi di scuola.   "Ci impegneremo a far rientrare tutti in classe entro luned 18 maggio - dichiara Mancini - ma sia il nostro istituto che gli altri empolesi non hanno a disposizione spazi per compensare l'inagibilit delle aule del prefabbricato".

 

fonte