Vasto incendio alle porte di Napoli: coinvolte 300 auto

L'incendio è di vaste dimensioni ed i vigili del fuoco faticano a tenerlo sotto controllo, ha spiegato il sindaco di Giugliano. Quattro pompieri feriti. Rogo spento soltanto intorno alle 19

 

Napoli

 

Un terribile incendio ha colpito Giugliano. Ad andare a fuoco un deposito giudiziario dismesso.

"L'incendio è di vaste dimensioni ed i vigili del fuoco faticano a tenerlo sotto controllo. Sono intervenute 8 autobotti. Sul posto anche polizia municipale, Polizia e Carabinieri. Si sentono esplosioni dei serbatoi. Sarà necessario fare chiarezza su questo episodio e sulle sue responsabilità", ha dichiarato sulla sua pagina Facebook, Poziello, sindaco di Giugliano.

I vigili del fuoco hanno fatto intervenire un autobotte con schiumogeni per cercare di circoscrivere l'incendio del deposito di auto De Luca. Le fiamme restano altissime e la nube di fumo è visibile a chilometri. Sul posto oltre ai vigili del fuoco, le forze dell'ordine. Secondo le ultime indiscrezioni l'incendio ha coinvolto 300 vetture. Sul posto anche i carabinieri.

 

Napoli_1

 

VIGILI DEL FUOCO FERITI -  Sono quattro i vigili del fuoco feriti, intervenuti per spegnere l'incendio in Via Selva Piccola. Le fiamme si sono propagate velocemente intorno alle 15 all'interno del deposito giudiziario per veicoli della ditta "De Luca". Secondo quanto si apprende c'e' stata un'esplosione di autovettura dismessa con ancora il serbatoio di gpl pieno, un casco rosso e' stato scaraventato per il colpo, altri tre riportano fastidi all'udito per il boato. Tutti e quattro sono stati ricoverati in ospedale, ma al momento le loro condizioni non sono gravi.

GLI AGGIORNAMENTI, INCENDIO SPENTO - Intorno alle 19 l'incendio è stato completamente estinto dai vigili del fuoco intervenuti (VIDEO). I rifornimenti delle autobotti sono stati effettuati all'Auchan di Giugliano, a circa 7-8 chilometri dalla zona interessata. I quattro vigili del fuoco rimasti feriti sono ricoverati in ospetale, tenuti sotto osservazione dal personale medico.

 

fonte