Domanda di autorizzazione per spettacoli o trattenimenti all’aperto

I riferimenti dopo Torino 2017, attualmente in vigore

Per eventi classificabili come manifestazioni pubbliche il Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica valuta le misure di safety e security da adottare per l’evento. Tali misure sono definite sulla base delle nuove circolari emanate a seguito dei fatti di Torino. Nello specifico troviamo:

  • Lettera circolare 07/06/2017 "Circolare Gabrielli" contenente la valutazione di Safety e Security;
  • Lettera circolare 19/06/2017 "Direttiva VVF" contenente le indicazioni di carattere metodologico;
  • Lettera circolare 28/07/2017 "circolare Morcone" contenente i modelli organizzativi;
  • Lettera circolare 31/07/2017 "Circolare Prefetto Giurato contenente altri modelli organizzativi;
  • Lettera circolare 23/08/2017 "Circolare Prefetto Guidato" contenente il concetto di necessità di valutazione.

I contenuti in sintesi

La nota esordisce chiarendo che le condizioni da verificare e le determinazioni susseguenti che riguardino le misure di sicurezza del pubblico “non costituiscono un corpus unico di misure, da applicare tutte insieme ed indiscriminatamente" ma sono soggette “al vaglio critico”, attraverso un “approccio flessibile” che valuti la natura della manifestazione e determini le modalità applicative. Viene inoltre ribadita la competenza “in prima istanza” delle Commissioni comunali e provinciali di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, le quali dispongono già di un “complesso e collaudato sistema di disposizioni”.

In caso di condizioni straordinarie potrà essere richiesto l’interessamento del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Alcuni spunti applicativi

Classificazione del rischio dell’evento - L’algoritmo di Maurer, particolarmente diffuso in Austria e Germania per la valutazione del rischio di eventi con grande affluenza di pubblico, si propone di determinare, in maniera empirica e riferita ai limiti ed alle condizioni al contorno dell’evento, il rischio potenziale dello stesso tenendo conto di diversi criteri che possono influenzarne la frequenza ed il danno, nonché l’eventuale dimensione del dispositivo di soccorso necessario. L’algoritmo è costituito da un sistema a punteggio alimentato da un valore numerico attribuito alla propensione al rischio di ogni singola variabile presa in considerazione. I criteri presi in esame sono i seguenti (stabiliti dall’allegato A1 A.S.R. 2014) che si riportano in appresso così come modificati dalla “direttiva Morcone”.

la definizione delle risorse necessarie avviene in base al punteggio ottenuto

Mitigazione del rischio - Le “linee guida delle prefettura di Roma”, per la mitigazione del rischio, prevedono l’approfondimento della conoscenza della normativa cogente, dei luoghi dove di deve svolgere l’evento e delle indicazioni degli aspetti organizzativi e gestionali da adottare durante lo svolgimento della manifestazione: Normativa di riferimento - Requisiti di accesso all’area - Percorsi separati accesso e deflusso -Capienza dell’area - Suddivisione della zona spettatori in settori : Adozione di barriere - Protezione antincendio - Gestione dell’emergenza – piano di emergenza: assenza di modelli riconosciuti - Operatori di sicurezza : criticità individuazione numero e qualifiche degli operatori adeguati

L’aspetto che richiede maggiore approfondimento tecnico riguarda la capienza dell’area, le protezioni antincendio e la pianificazione della gestione delle emergenze attraverso la redazione di un piano di emergenza.

I riferimenti prima di Torino 2017, ancora validi

In Italia, le principali norme e circolari di riferimento che riguardano le manifestazioni ed eventi di pubblico spettacolo sono:

- T.U.L.P.S. e smi - Regio Decreto18 Giugno 1931 n° 773 Articoli 68 , 69 , 80;

- Regio Decreto 6 Maggio 1940 n°635 e smi - Regolamento di attuazione del T.U.L.P.S. - Articoli 141,142,………..148;

- Ministeriale 18 Marzo 1996 - Norma di sicurezza per la costruzione e l’esercizio degli impianti sportivi;

- Ministero dell’Interno Decreto Ministeriale 19 Agosto 1996 - Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione ed esercizio dei Locali di Trattenimento e di Pubblico Spettacolo;

- Ministero dell’Interno Decreto Ministeriale 22 Febbraio 1996 n°261 - Norme sui servizi di vigilanza antincendio da parte dei Vigili del fuoco sui luoghi di spettacolo e trattenimento;

info:

hai necessità di ottenere l'autorizzazione in breve tempo? contattaci, un esperto è pronto a rispondere per il tuo caso specifico

+39 335 384310

[email protected]