Modellare l'incendio e predirne la dinamica evolutiva

Con la Fire Safety Engineering è possibile modellare l'edificio oggetto di valutazione in ogni suo particolare, dalle caratteristiche geometriche a quelle di ventilazione, passando dalla predisposizione del focolaio di incendio di progetto.

Cosa ottengo dalle modellazioni di incendio CFD?

Sostanzialmente possiamo considerare 3 obiettivi:

  1. si calcolano esattamente i tempi a disposizione per l'evacuazione dall'edificio, monitorando lungo le vie di fuga i parametri vitali. Si definiscono quindi i valori caratteristici di ASET (Available Safe Escape Time) che verranno poi confrontati con il tempo necessario all'esodo (RSET = Required Safe Escape Time);
  2. si calcolano le reali sollecitazioni termiche (curve di incendio naturali tempo/temperatura) che si renderanno necessarie nelle verifiche di resistenza al fuoco analitiche, nonché alle verifiche di compartimentazione.
  3. si individuano le dinamiche evolutive dei fumi, supportando quindi la progettazione degli impianti di estrazione meccanica, nonché l'evacuazione naturale.

Qual è il beneficio finale?

Facendo ciò, si hanno notevoli vantaggi sopratutto negli edifici esistenti, che per le norme attuali risultano non a norma, ma che grazie a questo metodo si possono regolarizzare. Nella maggior parte dei casi consente di ottenere rilevanti risparmi nell'adeguamento.

E' un ottimo strumento per evitare di istituire la Deroga con necessarie misure compensative, laddove non applicabile il DM 03/08/2015.

Incendi in Hotel, stanza e mall.

 

Magazzino intensivo con impianto sprinkler ESFR

Magazzino intensivo materie plastiche

Deposito intensivo automatizzato
Deposito intensivo automatizzato

Incendio magazzino prodotto finito

Incendio stanza Hotel

Incendio stoccaggio materiale plastico

Incendio deposito intensivo con impianto ESFR