Cartiera

La cartiera in oggetto si sviluppa come un enorme stabilimento industriale in cui viene seguito l’intero ciclo di produzione della carta, fino alla fase di converting e di logistica.

La complessità del progetto era legata in gran parte alle dimensioni dell’impianto industriale e alla presenza di numerose e diverse attività produttive al suo interno, dallo stoccaggio della materia prima, alla preparazione degli impasti per la formazione delle bobine di carta e conseguente immagazzinamento.  Ovviamente la presenza di un ciclo produttivo così complesso comporta la presenza di diversi impianti collaterali a supporto, oltre a quelli antincendio.

Conseguentemente, si è individuata la presenza di un’attività principale soggetta al DPR 151/2011, la 33.1.C, e di 14 attività accessorie.

Obiettivo del progetto

Lo scopo della progettazione era l’adeguamento alla normativa di prevenzione incendi e l’ampliamento funzionale dell’attività produttiva dello stabilimento.

Inoltre, la progettazione ha incluso anche la ri-valutazione di tutta l’attività in termini di impianti antincendio, in modo tale da uniformare lo stabilimento adeguarlo con soluzioni tecniche normativamente attuali.

Realizzazione del progetto

In prima istanza, è stata effettuata la Valutazione Progetto, secondo la Regola Tecnica Orizzontale (RTO) fornita dal DM 03/08/2015, complessiva dell’complesso industriale: grazie all’iniziale valutazione del rischio incendio, che analizza le possibili sorgenti d’innesco e i materiali combustibili o infiammabili con i conseguenti carichi d’incendio, è stato individuato un totale di 19 compartimenti.

Tutte le strategie previste dal Codice di Prevenzione incendi sono state analizzate e, a ognuna, sono stati attribuiti i livelli di prestazione: in alcuni casi sono risultate sufficienti le soluzioni conformi previste dal DM, in altri casi si è visto necessario il ricorso alle soluzioni alternative.

Le soluzioni alternative in FSE sono state adottate per verificare:

  • S.2 – Resistenza al fuoco
  • S.3 – Compartimentazione
  • S.4 – Esodo
  • S.7 – Rilevazione e allarme
  • S.8 – Controllo di fumi e calore

Nel progetto sono state applicate, ai 14 compartimenti esaminati, 96 soluzioni conformi e 44 soluzioni alternative in Fire Safety Engineering (FSE), per un totale di 140 soluzioni progettuali.

La ri-valutazione degli impianti antincendio, invece, è stata sviluppata inizialmente attraverso una valutazione del rischio incendio in accordo alla norma UNI 12845:2020. In base a questa, sono state elaborate le specifiche tecniche per:

  • Rete idrica (rete idranti interna, esterna e impianto sprinkler), mediante norme UNI
  • Rilevazione e allarme incendio, sia mediante soluzioni classiche normate UNI che soluzioni tecniche alternative (attivazione allarme da sprinkler)
  • Smaltimento fumi e calore di emergenza, mediante soluzioni “di emergenza” normate dalle UNI

Alcuni di questi impianti sono stati definiti a disponibilità superiore, concetto introdotto nel 2019 per poter considerarli «sicuramente funzionanti» in caso di necessità.

Leggi tutto