Impianto Sprinkler – FM Global

L’edificio in oggetto è uno stabilimento industriale dedicato alla produzione di prodotti dolciari: l’area oggetto di protezione è adibita a zona forni. Inoltre, il fabbricato si trova in zona sismica.

Obiettivo del progetto

Lo scopo della progettazione consisteva nel dimensionamento dell’impianto sprinkler a protezione della zona forni, a seguito dell’ampliamento dell’attività produttiva, e la seguente validazione da parte dell’ente assicurativo FM Global.

Infatti, quando si tratta di progettazione secondo gli Standard FM Global, la progettazione non fa riferimento a una normativa tecnica ma a dei documenti emessi dallo stesso ente assicurativo Factory Mutual Global, chiamati FM Global Loss Prevention Data Sheet.

I progetti, per essere approvati, devono essere validati dall’ente, che verifica che i documenti siano conformi ai Data Sheet, realizzati in maniera specifica per ridurre il più possibile il rischio incendio all’interno degli edifici in cui vengono applicati e ridurre, di conseguenza, i costi assicurativi della proprietà.

Realizzazione del progetto

La prima fase di progettazione è quella di classificazione del rischio secondo FM DS 3-26 “Fire Protection for Nonstorage Occupancies”, trattandosi di un’area produttiva dello stabilimento.

In base alla classificazione, vengono definite, sempre mediante lo stesso Data Sheet, le caratteristiche progettuali dello sprinkler che verrà installato. Tali caratteristiche dipendono da:

  • Classificazione del rischio
  • Altezza interna dell’area protetta
  • Tipologia impianto (a secco o a umido)

In accordo, invece, al FM DS 2-0 “Installation Guidelines for Automatic Sprinkler” definiamo le caratteristiche dell’impianto in termini di posizionamento e installazione (spaziatura lineare e in area minima e massima), in base a:

  • Altezza interna dell’area protetta
  • K-factor
  • Orientamento testine (pendent o upright)
  • Risposta (rapida o standard)

Successivamente alla modellazione sul software Namirial Spa (Cpi win), mediante un pre-calcolo determiniamo i terminali idraulicamente più sfavoriti, individuando l’area operativa secondo gli standard FM Global. Una volta effettuato il calcolo idraulico, abbiamo individuato le prestazioni in termini di portata e pressione: abbiamo verificato così che la riserva idrica e il gruppo di pompaggio esistente soddisfano le richieste del nuovo impianto.

Trovandosi il fabbricato in zona sismica con periodo di ritorno 100 anni, tutti gli impianti antincendio devono essere dotati di controventi sismici, giunti flessibili ed ancoraggi come da standard FM Global. Abbiamo progettato sia gli staffaggi statici, in accordo al FM DS 2-0, che gli staffaggi antisismici, secondo i due Data Sheet di riferimento:

  • FM DS 2-8 “Earthquake protection water-based fire protection systems – Ver. 2017”
  • FM DS 1-2 “Earthquakes”