Il Piano di Emergenza Esterno per gestori di rifiuti (PEE)

di Filippo Battistini
- 2 MIN
LETTURA

Il Piano di Emergenza Esterno per gestori di rifiuti (PEE)

Il Piano di Emergenza Esterno per gestori di rifiuti (PEE). Il 07/10/2021 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.P.C.M. 27 agosto 2021 “Approvazione delle linee guida per la predisposizione del Piano di Emergenza Esterna e per la relativa informazione della popolazione per gli impianti di stoccaggio e trattamento dei rifiuti”.

 

Come sapere se sei in regola?

Le linee guida definiscono la procedura di intervento da attuare secondo livelli progressivi, con l’obiettivo di definire in maniera sintetica e puntuale, le modalità operative di intervento per la gestione dell’emergenza connessa ai possibili eventi accidentali occorrenti in impianti di stoccaggio e trattamento, quali ad esempio incendi con formazione e diffusione di sostanze inquinanti all’esterno dell’impianto stesso.

 

A quali attività si applicano le disposizioni del Piano di Emergenza Esterno per gestori di rifiuti?

Tali disposizioni si applicano agli impianti di trattamento dei rifiuti che effettuano le seguenti operazioni:

  • di stoccaggio di cui al dell’art. 183, comma 1, lett. aa) del D.Lgs. 152/2006 [(aa) “stoccaggio”: le attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare di rifiuti di cui al punto D15 dell’allegato B alla parte quarta del presente decreto, nonchè le attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di rifiuti di cui al punto R13 dell’allegato C alla medesima parte quarta];
  • trattamento dei rifiuti ai sensi dell’art. 183, comma 1, lett. s) del d.lgs. 152/2006 [s) “trattamento”: operazioni di recupero o smaltimento, inclusa la preparazione prima del recupero o dello smaltimento;], pertanto si intende lo stoccaggio e trattamento dei rifiuti mediante le operazioni di recupero da R1 a R13 e lo smaltimento mediante le operazioni da D1 a D15;
    Centri di raccolta comunali o intercomunali, autorizzati secondo le modalità previste dal D.Lgs. 152/2006.

 

Nei dettagli il PEE si applica pertanto a:

  • Tutte le aziende autorizzate per le attività di gestione dei rifiuti (stoccaggio, recupero, trattamento);
  • Aziende come le ceramiche che effettuano al loro interno recupero di rifiuti in procedura semplificata (es. acqua/fanghi, scarti ceramici, ecc..)

Entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del D.P.C.M. 27/08/2021 (ovvero 06/12/2021): I titolari delle attività individuate nell’allegato del D.P.C.M. 27/08/2021, trasmettono al prefetto competente per territorio, ai sensi dell’art. 26 -bis , del decreto-legge 8 ottobre 2018, n. 113, convertito con modificazioni dalla legge 1° dicembre 2018, n. 132, tutte le informazioni utili per l’elaborazione o per l’aggiornamento del piano di emergenza esterna.

Richiedi informazioni

Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica

Richiedi informazioni

Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica

Articoli correlati

Uno dei vantaggi dell'FSE è evitare l’installazione di impianti antincendio non necessari Scopri quali vantaggi puoi ottenere adottando una soluzione alternativa,...
Scopri di più sulla nostra cultura aziendale: La Comunicazione Data Driven Scopri come gestiamo la nostra strategia di comunicazione con un...
Richiedi informazioni
Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica
Richiedi informazioni
Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica