Magazzino componenti plastica e gomma

Tipologia: Azienda settore plastica
Sede: Esanatoglia (MC)
Categoria: FSE e IMPIANTI
Norma applicata: DM 3 Agosto 2015 e s.m.i.
Superficie: 3400 mq
Anno di progettazione: 2021
Attività DPR 151/2011: 44.3.C “Stabilimenti e impianti ove si producono, lavorano e/o detengono materie plastiche, con quantitativi in massa superiori a 5.000 kg” e 44.2.C

SFIDE

Rispettare le caratteristiche strutturali richiesta

Riuscire a verificare la propagazione dell’incendio

Complesso costituito da diversi corpi fabbrica adiacenti

Key to success

Realizzazione modello su software dedicato

Natura materiale e layout di impilamento coerente con quello reale

Studio delle caratteristiche dell’edificio per l’evacuazione fumo/calore

Progettazione sistema automatico adatto alla natura del materiale

RISULTATI

Verifica di non propagazione dell’incendio

Progettazione impianto sprinkler

Verifica delle caratteristiche strutturali

La progettazione di un impianto sprinkler e l’utilizzo dell’approccio alternativo permettono all’azienda di mantenere inalterato il suo magazzino e di evitare costi di adeguamento.

 

L’azienda in oggetto opera nel settore dei componenti in plastica, in particolare nello stampaggio, assemblaggio, vendita e commercializzazione di componenti in plastica, gomma e metallo per il settore motociclistico e industriale.

 

Obiettivo del progetto

L’attività risulta divisa in vari compartimenti in base alla destinazione d’uso dei  locali. Il primo obiettivo è la verifica della resistenza al fuoco per il mantenimento della capacità portante delle strutture e l’assenza di danneggiamento ad altre costruzioni in caso di incendio. 

La verifica dello smaltimento fumo e calore non è verificata con metodo conferme e quindi si procede con soluzione alternativa in quanto non sono presenti le aperture richieste come da codice di prevenzione incendi. 

Realizzazione del progetto

Per procedere a tali verifiche, si realizza il modello dell’intero complesso su software dedicato e il successivo studio degli output ottenuti. In tal modo si ottiene lo scenario peggiore nel quale si eseguono le validazioni per i livelli delle prestazioni di sicurezza antincendio. In concomitanza, si progetta un sistema di estinzione automatica, grazie al quale si possono ottenere temperature contenute in caso di incendio.

Richiedi informazioni

Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica

Richiedi informazioni

Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica

Richiedi informazioni
Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica
Richiedi informazioni
Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica