La sicurezza antincendio di facciate ventilate e verde verticale

di Chiara Cecconi
- 2 MIN
LETTURA

Quali sono le principali criticità?

In fase operativa la forte complessità delle strutture è data da: 

  • Elevata altezza dell’edificio (> 32 m)
  • Difficoltà di raggiungimento degli ultimi piani con l’autoscala dei Vigili del fuoco
  • Conformazione geometrica complessa
  • Presenza di persone con esigenze specifiche

 

In fase realizzativa, invece, le criticità sono principalmente legate a: 

  • Difficoltà di approvvigionamento dei materiali

 

Obiettivi di sicurezza antincendio

Nel caso di adozione di tali soluzioni costruttive si deve porre particolare attenzione ai seguenti obiettivi di sicurezza antincendio:

  • Limitare la propagazione di un incendio originato all’interno o all’esterno dell’edifico,
    tramite le chiusure d’ambito;
  • Evitare la caduta dall’alto di parti della chiusura d’ambito;
  • L’esodo degli occupanti;
  • L’operatività delle squadre di soccorso

 

Un approccio olistico nell’inquadramento del problema

Analizzando un caso studio, durante la fase avanzata di realizzazione dell’edificio, in cui è stato posato un cappotto termico che non rispetta i criteri della linea guida del 2013.

Avviene il boom del “Bonus facciate” che rende difficile reperire materiali isolanti non combustibili per sostituire quelli ormai già posati.

A questo punto è importante analizzare quali sono
le criticità e le problematiche:

  • Sottostima iniziale del problema delle facciate, che spesso non viene approfondito
    opportunamente, soprattutto in fase esecutiva;
  • Tempistiche vincolanti a causa dei rogiti già fissati

 

Un esempio efficace di approccio al problema può essere riassunto nei seguenti passaggi:

  • Obiettivi della sicurezza antincendio
  • Analisi costruttiva della facciata
  • Analisi della reazione al fuoco dei materiali
  • Analisi della Guida Tecnica Facciate 2013
  • Motivazione della soluzione proposta
  • Descrizione e valutazione della soluzione correttiva
  • Certificazioni a supporto
  • Test sperimentale

Vertical Greenery Systems (VGS)

I Verticcal Greenery Systems (VGS) possono essere un’ottima alternativa al classico cappotto termico.

Esistono due tipologie di VGS:

  • Facciate verdi
  • Pareti vive

 

Vi sono però due aspetti critici da tenere in considerazione:

  1. Non sono ancora stati stabiliti dei metodi di prova
  2. Vuoto normativo

 

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo dei sistemi VGS?

  • Riduzione dei livelli di temperatura in caso di incendio, grazie all’acqua in essi contenuta;
  • Riduzione della velocità di propagazione dell’incendio.

 

Aspetti da tenere in considerazione:

  • Ciclo di vita del sistema;
  • Gestione e manutenzione del sistema;
  • Condizioni ambientali;
  • Disposizione spaziale e ventilazione

 

Hai un problema simile nel tuo progetto e non sai come gestirlo?

Ti aiutiamo noi a capirci di più! Siamo dalla parte delle aziende e dei progettisti.

Richiedi di essere contattato tramite il nostro form di richiesta informazioni

Richiedi informazioni

Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica

Richiedi informazioni

Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica

Articoli correlati

Scopri la nuova UNI EN 12845-3:2024 per la protezione antisismica degli impianti sprinkler, un aggiornamento essenziale per la sicurezza antincendio....
Scopri di più sulla nostra cultura aziendale: La Questione di Genere in FSE PROGETTI Come supportiamo e valorizziamo la crescita personale...
Richiedi informazioni
Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica
Richiedi informazioni
Scopri le soluzioni che possiamo trovare per la tua problematica